Blog: http://cessatoio.ilcannocchiale.it

e qui cosa ci vuole?

"rivoluzione rimane un termine impronunciable finchè l'unico scontro possibile è tra popoli che vivono gomito a gomito e non si accogono di essere identici" frankie...
ma basterà? basterà capire che non ci sono differenze tra uomini per cambiare il mondo, ora che ci sono strane forme di neorazzismo ovunque e la violenza diventa lo sport preferito di ragazzi assopiti nella loro inutilità di apparire=essere=ciò che si ha.
divisioni ovunque, nel lavoro, ritorna la piramide sociale e distinzioni, con tanto di privazioni o agevolazzioni, per cosa poi? non l'ho mai capita sta cosa, viene sempre dato qualcosa in più a chi ha di più, non è sempre merito...
neorazzismi politici, quelli ormai sono routine da anni e anni, tra tifoserie, ma anche gli scontri tra ultrà sono quotidianeità: "se la fede è del calcio e la bibbia la scrive abramovich" onemic, e si è perso un po tutto oltre alla fede divina, si è persa la dignità, e poi per cosa? per soldi, vai a lavoare in uno squallore perchè ci si accontenta, perchè una volta inseriti, poi...e naturalmente il pesce piccolo lecca il culo al pesce grande, senza capire che se vuole diventare grande deve rompere il culo e non leccarlo.
le distinzioni sono ovunque, anche tra le cazzate, vai a comprare un paio di mutande ci sono 110 modelli, fibre e cose diverse, e io che le uso per non girare con le palle a penzoloni...
ma, a parte queste distinzioni, questa difficoltà a vederci tutti alla pari, ci sono altri problemi che vanno affrontati al più presto: l'ecologia, forse qualcuno non l'ha capito, ma la natura è essenziale, non per bellezza ma perchè proteggerla induce anche a comportamenti non abitudinali che aiutano sicuramente a stare meglio: si usasse meno la macchina o il motorino, anche una volta meno al giorno, e via, pedalare è un ottimo metodo per una migliore funzionalità della circolazione del sangue, meno palestre, una corsetta, dua addominali e un po di flessioni e quella è la vera fatica, meno telefonini, non c'è più pace, non c'è più rispetto, si parla veloce col cellulare, ta ta ta, finito, l'essenzialità toglie il piacere della comunicazione, meno bottiglie di plastica, le usiamo solo noi: e poi, come se non bastasse, ad esempio, per le lattine, otlre alla plastica che involucra la confezione da 32 lattine, vengono pure implasticate in divisioni da 4, ci si può rinunciare a un sacco di cazzate, ora parte la stagione invernale e bum, tutti i termo accesi 24 ore su 24 con un caldo in casa che si scoppia...io, sono senza e dormo ancora senza coperte, ho un po di pelle d'oca al mattino, però almeno mi alzo, il caldo intorpidisce il corpo...e poi si lamentano che si ammalano tutti, grazie al cazzo, in una casa a 30 gradi,fuori che ne sono 20 in meno...
queste piccole cose, non aiutano solo ad avere paesaggi più belli, ma aiutano noi, a trovare quella rustichezza e il piccolo piacere delle cose che stanno scomparendo per dare spazio a cose fastidiose

Pubblicato il 11/10/2007 alle 11.56 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web