Blog: http://cessatoio.ilcannocchiale.it

perchè vado contro il sistema della polizia

secondo me la divisa nasconde, non voglio far di questo l'erba un fascio (o come si dice), ma voglio giudicare il sistema e spesso chi ci si nasconde dietro.
io vedo diversi polizziotti che tolta la divisa non sono assolutamente nessuno, persone che non hanno una personalità, che non hanno lavoro, che non hanno ideali, che, se si può considerare lavoro, non lo gestiscono bene.
è uno stipendio fisso tolto dalle casse statali a tempo perso, i polizziotti tamponano dove scorre cose che non rientrano nel normale...i ladri esistono da sempre e spesso la  polizia non li acciuffa, gli assassini ci sono da sempre e moltissimi rimangono irrisolti, i rapimenti ci sono da sempre e  ci sono migliaia di bambini scomparsi...cose come la manifestazioni che, si esistono da sempre, ma non rientrano nel "normale", allora si, li la polizia c'è, negli stadi c'è la polizia, in un luogo di divertimento, di sport ci sono i pulotti, ma che si scannino tra loro gli ultras, prego, no, la polizia manganella per sopprimere.
il sistema della polizia, secondo me, cerca quindi di zittire chi non si è adattato, e la costituzione, in appoggio, vieta le associazioni segrete e i militanti...perchè ora come ora una rivoluzione è impossibile, non si può fare, anche se si raggruppano un bel po di rivoluzionari e cercare di portare l'anarchia in italia, o anche solo la giustizia sociale è impossibile, perchè purtroppo con le parole non si può far più niente, siamo muti, e ci vorrebbe una bella rivoluzione di pensiero, è vero, ma come si fa? come si può mettere un bel gruppo unito di persone se nonostante i mezzi sono tutti abituati a non ascoltare e a tirare avanti per tener su una vita decorosa.
bisogna colpire i bersagli, le multinazionali, le grandi imprese, favorire i piccoli lavoratori e gli impiegati, più che manifestazioni, rivoluzioni di massa, occupare posti, anche città, se siamo in tanti neanche la polizia ci può fermare...

PACE AMORE E ANARCHIA
RIVOLUZIONE RIMANE UN VOCABOLO IMPRONUNCIABILE FINCHè L'UNICO SCONTRO POSSIBILE è TRA PERSONE CHE CONVIVONO GOMITO A GOMITO E NON SI ACCORGONO DI ESSERE IDENTICHE

Pubblicato il 22/3/2007 alle 20.17 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web